Symposium di Roma

Congressi medici in Italia

Calendario dei congressi medici organzzati in Italia, informazioni su convegni, meeting, workshop e seminari. Informazioni generali sull’aeroporto Il venditore di medicine.

Il Bitume Health Symposium ovvero il simposio sul bitume e la salute, è un convegno tenutosi a Roma, organizzato dalle grandi aziende produttrici di bitume nel novembre del 2009. Questo incontro è stato proclamato, soprattutto per informare i responsabili ed i lavoratori addetti al controllo ed alla lavorazione del bitume dei risultati e dei dati ai quali è arrivata la medicina negli ultimi 15 anni circa.

Fortunatamente, al contrario di come si pensava in precedenza, i dati non sono così allarmanti, questo pensiero si è sviluppato sulla base dei prodotti che, una volta, venivano utilizzati per la produzione di asfalti e prodotti affini. Spesso questi prodotti erano a base di carbone, dunque potevano essere direttamente correlati alle patologie polmonari, tra cui i tumori.

Durante questo simposio, sono emersi alcuni punti salienti:

  • Assorbimento dermico
  • Assorbimento per inalazione
  • Confounders

L’assorbimento dermico è sempre stato un po’ un argomento scottante, dal momento che chiunque lavori con materiali bituminosi sarà sicuramente venuto a contatto direttamente con i fumi prodotti da essi, se non con il materiale stesso. Da questo punto di vista ci si può tranquillizzare, sono stati fatti 2 anni di esperimenti in materia, paragonando le esposizioni della pelle (più approfonditamente quella delle mani dal momento che è la più interessata) ai fumi prodotti da un motore diesel ed a quelli del bitume.

I risultati sono tranquillizzanti, dato che i fumi del bitume sembrano venire molto meno assorbiti di quelli del gasolio, in ogni caso non sono state trovate dirette correlazioni della formazione di masse cancerose con l’esposizione ai vapori del bitume. Bisogna comunque però prestare attenzione, perché se da una parte si è sfatato il mito dei tumori dovuti ai vapori, si è confermato quello dei tumori dovuti al contatto, infatti se si viene in contatto con il bitume e si irrita una porzione di pelle, essa è più probabile che sia affetta da tumori.

Per quanto riguarda l’assorbimento per inalazione, tenendo come campione di riferimento sempre i fumi di un motore diesel, l’impatto sul corpo è minimo. Anche se è stato dimostrato che le semplici mascherine offrono poca o nessuna protezione da questi vapori, è comunque bene indossarle per precauzione.

Un argomento più strettamente legato al bitume sono i confounders. I confounders sono particolari sostanze che nel corpo causano disturbi, ma soprattutto impediscono e alterano anche pesantemente la rilevazione del bitume nel corpo, rendendo impossibile una stima realistica di eventuali danni. Un elenco di questi materiali è facilmente reperibile in rete, tra i più comunemente usati vi sono: fumo di tabacco, alcool e catrame.

Le conclusioni del simposio sono state tutto sommato tranquillizzanti, di fatto è stato provato che non vi sono significativi peggioramenti nella salute dei lavoratori che hanno direttamente o indirettamente a che fare con il bitume, tra i rischi sfatati troviamo la mortalità e il rischio di tumori. In ogni caso per i lavoratori è tutto a norma, dal momento che vengono rispettati i valori limite di presenza delle sostanze nocive. È comunque bene prestare attenzione, dato che è solo grazie alla prevenzione che il numero di incidenti e di contatti con sostanze pericolose è stato diminuito negli ultimi anni.

Symposia in Italia

 

Nonostante sia arretrata per certi aspetti, l’Italia oggi,come nell’ultimo decennio è una tappa privilegiata per quanto riguarda i congressi medici. Cittadini da ogni parte del mondo si raccolgono nelle università per assistere ai simposi sulla medicina che si tengono durante tutto l’anno. Queste lezioni vengono spesso svolte sia in italiano che in inglese, per rendere meglio comprensibile l’argomento anche a coloro la quale lingua madre non è l’italiano. Questi congressi variano molto d’argomento e possono essere o specifici per una, o un gruppo ristretto di discipline; oppure congressi generici alla quale ogni figura professionale legata al mondo della salute è invitata a partecipare.

I congressi contengono spesso e volentieri argomenti adatti all’aggiornamento professionale dei professionisti interessati. Hanno una durata tra le 4 e le 12 ore solitamente e quando non sono gratuiti (perché finanziati dallo stato o da qualche ente) hanno un costo di non più di 250 euro. In altri casi i congressi sono formulati ad interventi, dove viene semplicemente proposta una tematica generale ed i professionisti con un’idea a riguardo possono esprimerla e discuterne con i colleghi di tutta l’Europa.

È quasi superfluo dire che i congressi più importanti orbitano attorno a tematiche conosciutissime in ambito medico quali: Malattie cardiache, patologie respiratorie e malattie sessualmente trasmissibili.

Nell’anno corrente ci sono diversi convegni di spicco.
Rimanendo in tema alimentazione e disordini alimentari, gli interessati dovrebbero partecipare a:

“Dinamiche d’équipe e gestione dell’emotività’ nella presa in carico dei pazienti con disturbi del comportamento alimentare”

Il convegno è dedicato come suggerisce il nome al fattore psicologico legato alla presa in cure e ai comportamenti da tenere nel caso in cui si debba lavorare con individui affetti da disturbi alimentari.
Questo genere di seminari è improntato all’educazione del personale. Nello specifico si cerca di dare spicco al fatto che spesso, il disturbo alimentare è l’unico modo che un individuo ha a disposizione per esprimere la sua condizione di disagio.

A questo proposito, il personale non dovrà cercare di reprimere direttamente queste tendenze ma bensì invertirle attraverso percorsi più o meno lunghi comprendenti: sedute psicologiche (anche non convenzionali); interventi di gruppo, con confronti da parte dell’individuo sia con altri pazienti affetti da condizioni simili, sia verso professionisti già esperti nel campo; e dando voce alle problematiche che hanno portato al problema, attraverso rafforzamento dei rapporti verso l’esterno ed interazioni nell’ambiente familiare. Il processo di guarigione è divisibile in diversi passaggi ed è mirato, non al rinnegare gli istinti del paziente, ma ad elaborare la sua storia e le sue problematiche, riorganizzare le sue idee, rafforzare la sua autostima ed infine fargli cambiare il rapporto con il cibo sviluppando in lui un desiderio di guarigione.

Quest’attività, è consigliata per tutte le figure professionali coinvolte nella cura o nell’accoglienza di individui affetti da disturbi dell’alimentazione. Il convegno si terrà nella città di Bologna (Emilia Romagna) presso la sede dell’Accademia Delle Scienze Di Medicina Palliativa. Il corso avrà una durata complessiva di 8 ore, per un costo di 160€. Altri eventi di questo genere saranno disponibili durante tutta la durata dell’anno.

Lo scopo del seminario dal punto di vista professionale, oltre a migliorare il rapporto diretto con il paziente, sarà rivolto anche a rafforzare le pratiche chiave per la guarigione dell’individuo, ma soprattutto della gestione in gruppo di questo percorso.

Un convegno invece dedicato ad un’altra tematica molto attuale sebbene molto specifica è:

La bpco: dalla diagnosi precoce alla terapia dell’insufficienza respiratoria

Questa conferenza, come suggerisce il nome, è dedicata totalmente alla bpco in tutte le sue fasi.
La bpco (Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva) è una patologia che si sta rendendo sempre più presento nel panorama moderno. La patologia è particolarmente grave, dal momento che non è completamente reversibile e che comporta l’ostruzione delle vie respiratorie; inoltre è una malattia progressiva, il che vuol dire che se non è diagnosticata per tempo (cioè prima che si presentino i sintomi) può causare problematiche da non sottovalutare.

Si stima che circa 400.000 persone l’anno muoiano di bcpo, il motivo è semplice: è causata da fattori molto comuni al giorno d’oggi cioè, inquinamento dell’aria, agenti chimici, fumi di combustione (anche casalinghi se in ambienti mal ventilati), ma soprattutto il fumo di tabacco in tutte le sue forme (sigarette, pipe, sigari…). I sintomi sono comuni a molte altre patologie e sono, tosse, difficoltà respiratorie ed affaticamento (anche solo svolgendo attività quotidiane). Spesso questi sintomi vengono sottovalutati, dunque si tende a non sottoporsi ad ulteriori esami. La bpco in realtà è facilmente riconoscibile e trattabile da subito tramite un esame non invasivo che è la spirometria.

In questo convegno vengono appunto esplicate e dimostrate le diverse fasi del trattamento della cura , dal momento della diagnosi fino alla messa in atto di una terapia definita. Questo convegno è particolarmente consigliato per i medici generici, allergologi, esperti di patologie polmonari ed addetti alla sicurezza sul lavoro. Il corso è completamente gratuito e avrà una durata di 5 ore; la sede della conferenza è Ospedale Cardinal Massaia di Asti e sarà completamente gratuito.

Una questione molto attuale, ma molto poco discussa in convegni di questo tipo sono le dipendenze, non solo da sostanze ma anche dal gioco. L’argomento verrà però discusso nella conferenza:

Smetto quando voglio. Le dipendenze da sostanze e dal gioco d’azzardo

Le problematiche legate all’uso e all’abuso di alcool, sostanze psicoattive, legali e non non è recente, ma bensì risale a tempi molto più remoti. Più recentemente invece si sta intensificando la presenza di ludopatie, quindi problemi legati al gioco. Il seminario può essere di interesse di qualunque medico che si trovi a contatto con pazienti affetti da queste patologie, tuttavia è consigliato per i medici con un background di psicologia. Tutti questi tipi di dipendenza nascono da carenze a livello psicologico, questo convegno è improntato a formare degli addetti in grado di mettere in atto le più moderne procedure diagnostiche e consecutivamente i trattamenti più adatti, con supporto psicologico e medico-legale ove necessario.

La conferenza si terrà a Firenze, ospitata presso la sede della Federazione Nazionale Degli Ordini Dei Medici Chirurghi E Degli Odontoiatri. La conferenza sarà completamente gratuita ed avrà una durata complessiva di 4 ore che si svilupperanno durante il mese di febbraio.